*/?>
ruMORE

Ci dicono che l’innovazione salverà il nostro paese

20 Ottobre 2012
Print Friendly, PDF & Email

In questo periodo di crisi sembrano cambiare i capi saldi di intere generazioni: mutuo, posto fisso, figli, famiglia, vivere… o parliamo di sopravvivere?

Ma lo sappiamo, anzi, forse lo sanno meglio le vite precedenti: la crisi arriva e (forse) senza avvertire.

Sarà, dico, perché in tanto bisogna comprendere il modo per “uscirne vivi”. Qualcuno della vecchia scuola faticherà mentre altri punteranno a migliorarsi, nonostante tutto. Insomma troveranno un modo per vivere. Come? Abbracciando il cambiamento.

In particolare, con la nascita della new economy il cambiamento arriva bello spavaldo, presentandosi sotto diverse forme.

Un esempio: Chi non ha sentito parlare di startup!? Chi non si è chiesto quale significato si nasconde dietro a questo termine?!

In poche parole, molto semplici a dir la verità, startup indica quel periodo dove un’ impresa cerca di prendere il volo. Spesso trova spazio nel settore “tech” e “internet” diffondendo, così, nuovi modelli e soluzioni. Il gioco non è facile perchè si parla di imprese che richiedono elevate uscite finanziarie. Uscite non sempre ripagate dai flussi entranti. E poi i capitali iniziali non arrivano dalla filiale sotto casa ma da nuove figure professionali: Venture Capitalist e Business Angels.

Queste nuove professionalità plasmano il mercato, per la nascita delle aziende. Aziende che quando partono, se pur in piccolo, si possono trasformare in un colosso chiamato “Google”. Per esempio.

In Italia un progetto di tal portata può trovare fortuna. Infatti esistono esempi di startup italiane che, fra le tante, possono dire di esserci riuscite. Quindi non parliamo solo di etichette “Made in Silicon Valley”.

Tirando le somme, possiamo dedurre che la vita non sarà più suddivisa in compartimenti stagni e, a sua volta, scandita dalle lancette dell’orologio. Anzi sarà sempre più fluida, verranno esplorate nuove strade, nuovi modelli e soluzioni. Grazie al maggiore coraggio e determinazione anche se con meno garanzie da offrire. Quelle garanzie che sembrano dare, oggi, lo slancio utile per  sopravvivere.

 

“La vita appartiene ai viventi, e chi vive deve essere preparato ai cambiamenti”
Johann Wolfgang von Goethe

Share

Commenti chiusi.