ruMORE

COSTELLAZIONI

31 gennaio 2018
Print Friendly, PDF & Email

Dopo le intense e ricche 10 giornate del festival “Felicità Sostenibile”, capaci di consapevolizzarci sui piccoli gesti che tutti noi possiamo mettere in campo per muovere i nostri passi verso la salvaguardia dell’ambiente, la programmazione del Teatro Piccolo Orologio non si ferma e prosegue con “Costellazioni” del giovane ma già affermato drammaturgo britannico Nick Payne. La produzione della compagnia Khora Teatro andrà in scena sul palco di via Massenet, sabato 3 febbraio alle ore 21, con Aurora Peres e Jacopo Venturiero guidati dalla regia di Silvio Peroni.

C’è una teoria della fisica quantistica che sostiene che esista un numero infinito di universi: tutto quello che può accadere, accade da qualche altra parte e per ogni scelta che si prende, ci sono mille altri mondi in cui si è scelto in un modo differente. Nick Payne prende questa teoria e la applica ad un rapporto di coppia.

Orlando è un tipo alla mano, che si guadagna da vivere facendo l’apicoltore. Marianna è una donna intelligente e spiritosa che lavora all’Università nel campo della cosmologia quantistica. Costellazioni parla della relazione uomo-donna, ispirandosi alle idee della teoria del caos. Il testo esplora le infinite possibilità degli universi paralleli: si tratta di una danza giocata in frammenti di tempo. In questa danza la più sottile delle sfumature può drasticamente cambiare una scena, una vita, il futuro. Nel testo si ripercorrono più versioni dei vari momenti cruciali della relazione di Orlando e Marianna: dalla conoscenza, alla seduzione, al matrimonio, al tradimento, alla malattia, alla morte.

“Payne – spiega Silvio Peroni mostra ripetutamente, le possibilità e i diversi modi in cui i loro incontri sarebbero potuti andare a causa di fattori che vanno dalle relazioni precedenti alle parole e al tono di voce impiegati. Marianna e Orlando si incontrano, sono fidanzati, non sono fidanzati, fanno sesso, non fanno sesso, si perdono, si ritrovano, si separano e si incontrano di nuovo. Il testo si estende in un’indagine sul libero arbitrio e sul ruolo che il caso gioca nelle nostre vite.”

Se tutto questo potrebbe far sembrare Costellazioni un testo scientifico, non è niente del genere. Assolutamente divertente, ma disperatamente triste: è proprio il suo dinamismo intellettuale ed emotivo a rendere il testo unico e travolgente.

Nick Payne giovanissimo drammaturgo britannico ha studiato all’ University of York e successivamente alla Central School of Speech and Drama . È, inoltre, inserito nel programma Royal Court Young Writer’s. Con la sua prima commedia “If There Is I Haven’t Found It Yet which” ha vinto il prestigioso George Devine Award nel 2009. Ha debuttato al Royal Court Theater nel settembre 2010 con la commedia Wanderlust, ed attualmente gli sono stati commissionati testi dal Paines Plough, dal Royal Court Theater e dal Manhattan

Theatre Club / Alfred P Sloan Foundation. Nel novembre 2010, Payne è stato finalista per l’ Evening Standard Award come scrittore più promettente.

Khora.teatro nasce nel 2004 e trova da sempre il suo punto di forza nella collaborazione tra le diverse specificità artistiche. Oggi è una compagnia di produzione teatrale basata sull’esperienza e le competenze di Alessandro Preziosi, Tommaso Mattei e Aldo Allegrini. Riconosciuta dal MIBAC e a stretto contatto con i principali circuiti di distribuzione teatrale sul territorio nazionale.

Informazioni: biglietteria@teatropiccolorologio.com – www.mamimo.it

Share

Rispondi