*/?>
ruMORE

I NUOVI DEMONI

21 Febbraio 2013
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue “Finalmente domenica”, la rassegna di appuntamenti culturali della domenica mattina organizzata dalla Fondazione I Teatri in collaborazione con il Banco S. Geminano e S. Prospero. Domenica 24 febbraio alle ore 11, nella Sala degli Specchi del Teatro Romolo Valli, Reggio Emilia incontrerà Simona Forti, autrice di “I nuovi demoni”, Feltrinelli, 2012.

Nichilismo, pulsione di morte, volontà di nulla: sono in fondo queste le categorie che hanno orientato e ancora oggi orientano la comprensione del male politico. Esse si accompagnano a una visione “semplice” e “demoniaca” del potere, la cui cifra estrema è ravvisabile nel rapporto tra vittima e carnefice. Da una parte starebbe, cioè, un soggetto onnipotente, portatore di morte, e, dall’altra, un soggetto ridotto a oggetto, perché reso totalmente passivo dalla violenza dell’altro. Nella prima parte del libro, l’autrice ricostruisce la particolare costellazione concettuale di tale visione dicotomica riconducendola a un paradigma specifico, denominato “paradigma Dostoevskij”. Questo modo di pensare il rapporto tra male e potere – si chiede Simona Forti – è sufficiente a leggere il presente? Non rischia piuttosto di irrigidire la comprensione della realtà in categorie troppo schematiche e unilaterali, che gettano luce su un unico volto del male politico, quello notturno, trasgressivo, distruttivo? Non occulta, orse, dietro lo spettro di un rinnovato dualismo, un’intera e complessa fenomenologia degli aspetti “microfisici” delle scene del male? I nuovi demoni propone una diversa genealogia del rapporto tra male e potere. È convinzione dell’autrice che il male debba essere indagato, oggi più che mai, non solo nel suo legame con la morte e il nulla. Ma debba essere scandagliato anche nel rapporto che intrattiene con l’ostinata passione per la vita, con l’indomabile volontà di essere e di persistere, col desiderio di venir riconosciuti e confermati. Perché è così che a suo parere si spiegano la docilità e il conformismo, la passività e l’ottusa obbedienza: quelle attitudini soggettive all’astensione dalla critica che sono le cinghie di trasmissione più potenti per trasformare i rapporti di potere in una scena del male.

L’autrice dialogherà con Mariafranca Spallanzani (Professore di Storia della Filosofia nella Scuola di Lettere e Beni culturali dell’Università di Bologna) e per l’occasione saranno aperte le terrazze e le sale del ridotto con servizi di caffetteria e bookshop. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili e sarà trasmesso in diretta video nell’atrio del Valli.

Simona Forti
Insegna Storia della filosofia politica all’Università del Piemonte Orientale. Attualmente è Visiting Professor alla New School for Social Research di New York. Dal 2003 è membro della giuria Der Hannah-Arendt Preis für politischen Denken, della Heinrich Böll Stiftung, Berlino-Brema. Collabora con numerosi giornali scientifici italiani e stranieri e codirige la rivista «Filosofia politica», edita dal Mulino. Si è occupata di filosofia politica del Novecento e del pensiero di Hannah Arendt, di cui è stata una delle principali interpreti. Tra i suoi ultimi lavori: Hannah Arendt tra filosofia e politica (Bruno Mondadori, 2006), Paranoia e politica(con M. Revelli, Bollati Boringhieri, 2007); El Totalitarismo. Trayectoria de una idea limite (Herder Editorial, 2008).

Per info: Tel 0522 458811 – www.iteatri.re.it

demoni

Share

Commenti