*/?>
ruMORE

Il bacio della vedova: un thriller targato Jurij Ferrini

15 Novembre 2013
Print Friendly, PDF & Email

Andrà in scena per tre serate, da martedì 19 a giovedì 21 alle ore 21
Dopo il grande successo di Rodaggio Matrimoniale della scorsa stagione, il regista e attore genovese torna al Teatro Piccolo Orologio

Reggio Emilia, 14 novembre – Ad un anno di distanza dall’entusiasmante messa in scena di Rodaggio Matrimoniale della passata stagione, Jurij Ferrini e il suo Progetto U.R.T. tornano al Teatro Piccolo Orologio con una nuova produzione che, dopo aver debuttato al teatro dei 106 di Catania, è pronta ad elettrizzare anche il pubblico di via Massenet.

The widow’s blind date, traducibile in italiano con “Il bacio della vedova” inizia come una commedia, per poi diventare, in un crescendo di suspence, un vero e proprio thriller teatrale, un genere davvero poco frequentato dagli autori contemporanei che scrivono per la scena. Jurij Ferrini porta al Teatro Piccolo Orologio, unica data nel nord Italia, un testo di Israel Horowitz, uno fra i più autorevoli drammaturghi internazionali.

Arci Crisp – Davide Lorino – e George Ferguson – Luca Cicolella – sono due operai di una imprecisata provincia americana e lavorano in una cartiera, una sorta di deposito dove vengono raccolte grandi quantità di carta per pressarla e farla trasportare in “balle da 800 kg”. Un lavoro duro e faticoso. Una sera Arci rivela a George di avere un appuntamento con una ex-compagna di scuola, Margi Burke – Ilenia Maccarone -, che ha incontrato per caso il giorno precedente; entrambi pero’ sono a conoscenza del perche’ lei sia tornata in città: Swidi, il fratello di Margi, cieco dalla nascita, sta morendo in ospedale. I due ricordano gli anni di scuola, parlano di lei e in particolare del suo successo come giornalista. All’improvviso Margi appare al deposito; e’ arrivata all’appuntamento. Fra i tre si instaura immediatamente un rapporto ambiguo nel ricordare “i vecchi tempi” e nel raccontarsi la vita dopo gli anni di scuola. In un crescendo di suspence che incolla letteralmente il pubblico all’azione, si svela una storia al limite dell’incredibile e che cambierà per sempre le loro vite.

Attivo da oltre quindici anni, il Progetto U.R.T. nasce dall’incontro di diversi attori diplomati presso la Scuola del Teatro Stabile di Genova, che, capitanati dallo stesso Ferrini, hanno unito le forze per creare un gruppo indipendente, impegnato nella produzione e circuitazione di spettacoli che si distinguono per l’assenza di astrazioni e formalismi d’effetto. Si tratta di una scelta coraggiosa, finalizzata ad offrire maggiore attenzione a un’indagine analitica dei testi classici, che vengono studiati in modo approfondito e rispettoso per restituirli in una chiave di lettura spesso comico-grottesca, sempre curata, attenta alla lingua e con un solido lavoro di preparazione dell’attore.

Israel Horowitz è uno dei più grandi drammaturghi americani in circolazione, ancora poco conosciuto in Italia. Sceneggiatore di moderne tragedie, di conflitti sociali e di storie metropolitane, Horowitz può essere considerato uno dei più interessanti narratori contemporanei viventi.

Biglietti: 14€ e 12€. Per informazioni e prenotazioni: biglietteria@teatropiccolorologio.com, www.mamimo.it,
0522-383178 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e, nei giorni di spettacolo, anche dalle 19:30 alle 21.

 

Ferrini

 

Share

Commenti chiusi.