*/?>
ruMORE

IL TERREMOTO E L’ARTE CHE AIUTA

3 Luglio 2012
Print Friendly, PDF & Email


“I vicini devono fare come le tegole del tetto a darsi l’acqua l’un l’altro” (Giovanni Verga). Alcune iniziative di solidarità nate in ambito artistico. A cura di Margherita Fontanesi, foto Alessandra Calò.

I giorni del terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna sono stati giorni sottosopra, giorni di insicurezza, di paura, di dolore, ma tutto in Emilia sta ripartendo. Con coraggio, tenacia, voglia di vivere e con la solidarietà che da sempre ha caratterizzato questa terra, l’Emilia sta ricominciando a vivere.

Il bisogno di aiuti qui è ancora tantissimo e per questo vogliamo segnalare alcune iniziative di solidarietà, che sono nate anche nel settore dell’arte.

A Reggio Emilia Ateliers Viaduegobbitre ha organizzato, alla fine di giugno, una vendita di opere d’arte donate da artisti internazionali e di libri illustrati, messi a disposizione da case editrici italiane, per sostenere un progetto di recupero degli edifici scolastici colpiti dal terremoto. L’Iniziativa è stata realizzata in collaborazione con Provincia di Reggio Emilia, Comune di Reggio Emilia, Musei Civici di Reggio Emilia, Fondazione Palazzo Magnani, Reggio Children, Arci RE, Circolo degli Artisti di Reggio Emilia, Galleria 8,75 Artecontemporanea, Flag No Flags, Illustrati Logos, CNA Reggio Emilia, Stefano Bartoli Cornici, CSArt – Comunicazione per l’Arte. Le opere vendute al momento sono circa cinquanta, per un ammontare di 5.000 euro, senza contare un migliaio di euro raccolto con le vendite dei libri. Dato il successo dell’iniziativa, gli organizzatori hanno deciso di portarla avanti, riproponendo questa felice formula ogni mercoledì sera di luglio dalle 20.00 alle 24.00 e affiancando la vendita tradizionale con una vendita on-line, che sarà presto fruibile. Se resteranno opere e libri invenduti, saranno donati agli istituti scolastici della Provincia.

A Modena, invece, si è svolta, nei locali dell’ex ospedale di Sant’Agostino, “Terremoto. Opere d’arte all’asta per finanziare la ricostruzione”, organizzata da Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Fotografia e Galleria Civica di Modena in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici di Modena e di Reggio Emilia. L’asta, condotta da Filippo Lotti, amministratore delegato di Sotheby’s, ha visto una grande partecipazione e sono state vendute fotografie per centoquindicimila euro, destinati al restauro di opere d’arte danneggiate dal sisma. “Il Tuffatore” di Nino Migliori (1951) è stata la fotografia che ha raggiunto la maggior quotazione (7.500 euro). Buona anche la quotazione finale delle due fotografie di Franco Fontana: “Basilicata” (1986) e “Ibiza” (1992), battute a 4.700 euro. “U.A.P. Walker” (New York, 1978) di Hiroshi Sugimoto è stata assegnata a 3.000 euro. Molte le offerte giunte on-line nei giorni precedenti e molti i rilanci via telefono nel corso dell’asta.

Si terrà, per finire, presso i Chiostri di San Domenico a Reggio Emilia, dall’11 luglio al 5 settembre 2012, un’iniziativa ideata da Alberto Agazzani sotto forma di mostra-mercato: “ARTquake, il sussulto dell’arte”. Si tratta di una raccolta di opere donate da artisti di ogni provenienza, che saranno vendute in loco e sul sito www.artquake.it a partire da un’offerta minima. Le opere invendute saranno oggetto di una lotteria, che si terrà in occasione del finissage. Il ricavato di tutta l’operazione sarà corrisposto ai sindaci di Rolo (RE), Cavezzo (MO) e Quistello (MN), per sostenere la ricostruzione.

Un ringraziamento speciale a Chiara Serri www.CSArt.it per aver contribuito in maniera importante alla comunicazione di queste iniziative.

Testo di Margherita Fontanesi
margheritafontanesi.com

Fotografie Atelier Viaduegobbitre di Alessandra Calò
www.alessandracalo.it

 

Share

Commenti chiusi.