*/?>
ruMORE

Claudio Brizi

 

Claudio Brizi ha studiato presso i Conservatori di Perugia e Bologna. Ha tenuto circa duemila concerti, suonando strumenti prestigiosi, sia come solista che collaborando con musicisti e orchestre di fama internazionale.
Ha inciso oltre 60 CD (in buona parte per l’etichetta giapponese Camerata Tokyo) spaziando dal repertorio rinascimentale all’avanguardia.

Gli strumenti a tastiera Non Standard e le Chimere Musicali, ibridi dalla molteplice natura, lo affascinano da sempre. Nella sua collezione spiccano autentiche rarità come l’Harmonium Célesta Mustel del 1897, l’Harmoniumklavier Erbe (Eisenach, ca. 1900) e il claviorgano Pinchi-Barucchieri di sua concezione, il più grande al mondo che si possa trasportare agevolmente. A questo strumento eminenti studiosi hanno dedicato scritti lusinghieri come quello, recentissimo, a firma Jean Guillou nella nuova edizione di Orgue, Souvenir et Avenir (trad. it. Ed. Carrara, Bergamo).

Insegna al Conservatorio di Cosenza e alla Kusatsu Summer Music Academy (Giappone).

 

Claudio Brizi. Musica nei Luoghi d’Arte (Calabria dal Tirreno allo Jonio + J. S. Bach Aus
Liebe per flauto e claviorgano)

Share