*/?>
ruMORE

La fine di un’epica

23 Novembre 2011
Print Friendly, PDF & Email

Parte prima

Effetto notte

Per quelli della mia generazione, con la fotografia da sempre nella testa, la Polaroid si è trasformata nel tempo da ambito giocattolo in strumento professionale. Siamo cresciuti creativamente insieme. La notizia della scomparsa della pellicola istantanea con la chiusura degli stabilimenti di produzione è stata riportata dai giornali di tutto il mondo nel marzo del 2008.

Il segnale, inesorabile, della fine di un’epica.

Il vuoto sugli scaffali dei negozi specializzati non è stato solo fisico.

Ho sperato in un ripensamento. Ho atteso di vedere ancora luce nel buio sceso improvvisamente, nella notte obscura dell’era digitale e del profitto.

A questo punto impossibile.

Il problema che nasce dalla sostituzione delle tradizionali tecnologie analogiche, fondamentalmente ‘chimiche’, non è tecnico: da una scansione digitale è possibile con l’uso del programma adeguato ottenere un effetto Polaroid. Nel frattempo sono state ideate alcune App per iPhone che fin dal momento dello ‘scatto’ ne riproducono le caratteristiche.

Difficilmente però ne riprodurranno la magia: prima l’attesa e poi l’apparizione dell’immagine, graduale, dall’oblio, sul supporto plastico, l’opera immediata.

L’invenzione della pellicola capace di auto-svilupparsi alla luce e fuori dalla macchina fotografica si deve al geniale Edwin Land (1909 – 1991).

Per celebrare la ‘perdita’ non ho trovato di meglio che sfogliare con malinconia, come a guardare un vecchio album di famiglia, il volume “The Polaroid Book, selection from the Polaroid Collections of Photography” edito da Taschen nel 2005 in una splendida veste clone di una confezione di pellicola Polaroid.

Delicati nudi, paesaggi sottoesposti, graffiati esperimenti, lande nebbiose, architetture metafisiche, ritratti on the road, trionfi di nature incontaminate, automobili grintose in 287 immagini di 224 autori.

I più conosciuti: Ansel Adams, Gian Paolo Barbieri, Gabriele Basilico, Paul Caponigro, Lucien Clergue, Franco Fontana, Robert Frank, Luigi Ghirri, Ralph Gibson, Robert Mapplethorpe, Sarah Moon, Helmut Newton, Jeanloup Sieff, Aaron Siskind, Joyce Tenneson, Andy Warhol, Brett Weston.

Pura poesia.

Addio?

1-continua


Share

Commenti