*/?>
ruMORE

Nuova collaborazione con la Riserva MaB

13 Novembre 2015
Print Friendly, PDF & Email

La Riserva MaB/Unesco – Appennino Tosco Emiliano:
avviata la collaborzione culturale del Club Unesco di Reggio Emilia

Il Club di Reggio Emilia non poteva non occuparsi della Riserva MaB Appennino Tosco Emiliano (Man and Biosphere) che reca un significativo incipit “Un patrimonio della storia, un futuro da costruire” nel progetto avanzato alla sede Unesco di Parigi all’inizio dell’estate scorsa e che è stato ufficialmente riconosciuto in settembre dall’autorità mondiale, espressione ONU, per lo sviluppo sul nostro pianeta dell’Educazione, della Scienza, della Cultura e della Comunicazione di Parigi.

A tal fine, vista la piena disponiblità ricevuta dal Presidente dell’Ente Parco Fausto Giovanelli per un ruolo attivo del club reggiano, lo stesso, pur ponendosi in una posizione non istituzionale, si mette volentieri a disposizione per concorrere, nei modi che si riterranno possibili ed opportuni, alla diffusione degli obbiettivi della “Riserva Unesco” ed a collaborare alle iniziative di sensibilizzazione culturale e sociale per la miglior attuazione del medesimo che si terranno nei territori di competenza, con il coinvolgimento dei Club delle cinque province interessate (RE, PR, MO, LU, MC).

Nell’ambito del Club, proprio per assicuare una migliore efficacia negli obiettivi di lavoro comune è stato costituito un apposito “Gruppo di studio”, composto da personalità di qualificato livello e di esperienze multidisciplinari, formato da Giuseppe Baricchi, Sergio Bergomi, Umberto Beltrami, Enrico Bussi, Angela Chiapponi, Giuliano Cervi, Andrea Chiari, Davide Dazzi, Giuseppina Montanari, Ugo Pellini, Luciano Rondanini, Rolando Valli, che affiancherà i componenti del direttivo preposti al progetto. All’insediamento e all’avvio del lavori del gruppo, ha svolto la relazione introduttiva la Dott. Alessandra Curotti, esperta dell’Ente Parco, che ha seguito fin dall’inizio la preparazione, la presentazione del progetto “riserva” Unesco e che adesso seguirà l’attuazione del MaB.

Per informazioni: www.mabappennino.it/
MaB in breve, scarica pdf

 

Foto: Cattabiani

Share

Commenti chiusi.