*/?>
ruMORE

Pianoforte vendesi

18 Aprile 2017
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il debutto al Festivaletteratura di Mantova, i successi riscossi a Roma, Teatro Brancaccino e Teatro Cometa Off, tra la critica e in diverse repliche nel Nord Italia, lo spettacolo “Pianoforte vendesi”, tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Vitali, edito da Garzanti, arriva al Teatro Piccolo Orologio sabato 22 aprile alle ore 21:00.
Una coproduzione Fondazione Aida e ARS Creazione e Spettacolo, con Adriano Evangelisti, musiche originali di Patrizio Maria D’Artista e la regia di Raffaele Latagliata, che ha lavorato in collaborazione con Andrea Vitali nella trasposizione drammaturgica del romanzo.
Considerato da Saltinaria.it uno degli spettacoli più belli del 2016, lo spettacolo è ambientato durante la notte dell’Epifania, sera di festa a Bellano, sul Lago di Como. Dal treno scende «il Pianista» – così chiamato per via delle sue mani lunghe e affusolate – ladro di professione. Piove, fa freddo. Perlustrando le contrade il Pianista incappa in un cartello affisso su un vecchio portone: «Pianoforte vendesi». Incuriosito decide di entrare… Pianoforte vendesi è la storia di un ladro che deve scegliere tra le buone e le cattive azioni: il bianco e il nero, come i tasti del pianoforte. I gesti che si troverà a compiere rivelano un grande desiderio di riscattare la sua umanità. Sullo sfondo, in una dimensione quasi di mistero c’è un’intera collettività, un paese sospeso – per una notte – fra legalità e illegalità, fra lecito e illecito, fra comandamento etico e abitudine.
“Pianoforte vendesi è tra le tante storie la mia prediletta – afferma Andrea Vitali- scritta col cuore e poco cervello. Racconta il bene inalienabile dell’illusione, della fantasia e chi vi si avvicina, lettore, spettatore, regista, attore o sceneggiatore che sia deve farlo in compagnia del bambino che è stato e che continua a vivere, magari un po’ nascosto, nel fondo del cuore”.
“Andrea Vitali ha saputo creare un genere, una tipologia narrativa di luoghi e di stile, di ambientazione e di sottobosco psicologico, un genere riconoscibile e originale, amato dai lettori e rigoroso nella forma letteraria. La versione teatrale di Pianoforte vendesi- afferma il regista Raffaele Latagliata -, cercherà di utilizzare la forza evocativa della parola, affidata esclusivamente al talento istrionico di un solo attore, Adriano Evangelisti, chiamato a dare voce e corpo a tutti i personaggi della storia e il potere di suggestione emotiva della musica, composta appositamente per questo monologo, per restituire le atmosfere soffuse e le penombre di questo romanzo di straordinaria intensità, perennemente in bilico tra sogno e realtà, senza dimenticare i guizzi folgoranti del suo umorismo”.
I personaggi sono molti, dalla vecchina amante della musica Gioietta Ribaldi alla spiritata moglie del calzolaio ubriaco, sino al classico maresciallo dei carabinieri dall’accento meridionale (e all’altrettanto divertente brigadiere). Tutto l’impianto è affidato al camaleontico Adriano Evangelisti che, senza cambiarsi d’animo o usare un accessorio, dimostra di avere piena padronanza del palcoscenico e di poter entrare ora in un personaggio ora nell’altro senza incertezze.
A creare questa atmosfera magica e quasi onirica contribuiscono i giochi di luci, o meglio dire di buio, fra cui la emblematica scena delle mani illuminate che suonano il piano, immerse nel buio.
In un racconto di pianoforti e pianisti non potevano che avere un posto d’onore le musiche composte appositamente da Patrizio Maria D’Artista, produttore artistico, compositore e arrangiatore che ha già firmato la colonna sonora di diverse opere teatrali e televisive.
Prodotto dalla Fondazione Aida, fondata a Verona nel 1983 proprio da Adriano Evangelisti e Federica Restani, che punta in primo luogo alla crescita culturale dei giovani e si avvale ormai da anni della collaborazione di importanti istituti quali Ars Creazione e Spettacolo. Nel corso degli anni grazie a produzioni di livello nazionale e internazionale, ha ottenuto riconoscimenti e accreditamenti ufficiali.

Informazioni: biglietteria@teatropiccolorologio.com – www.mamimo.it

Share

Commenti chiusi.