*/?>
ruMORE

Super!

25 Gennaio 2019
Print Friendly, PDF & Email

I supereroi esistono e sono qui in mezzo a noi. Come nei fumetti combattono il male per il bene di tutti. O quasi. Insomma siamo abituati a vederli invincibili ma forse così non è. I protagonisti di questo spettacolo non hanno nulla di eroico, possiedono poteri strani e vivono situazioni di disagio al limite dell’umano. Super!, creazione comune di Tedacà e Compagnia DeiDemoni, due compagnie che dal 2015 hanno inizia no un percorso di sinergia e condivisione di pensiero nell’ambito della produzione teatrale, andrà in scena al Teatro Piccolo Orologio domenica 27 gennaio alle ore 21.00. Autori e registi dello spettacolo sono Simone Schinocca e Mauro Parrinello, quest’ultimo anche in scena insieme a Valentina Aicardi, Andrea Fazzari e Marco Taddei.

Super! è uno spettacolo che utilizza un registro ironico, affiancato da linguaggi non propriamente teatrali che hanno lo scopo di valorizzare le tematiche affrontate, rendendo comunque omaggio all’icona del supereroe, così come viene rappresentato da cinema, fumetti e televisione. La colonna sonora dello spettacolo è composta da musiche originali che prendono spunto sia dagli ultimi kolossal hollywoodiani sia dalle serie televisive degli anni Settanta, fornendo a ogni personaggio un proprio leit motiv. Il compositore è Maurizio Lobina, vincitore, con gli Eiffel 65, di “World Music Award”, “BMI Award”, dischi diamante, multiplatino e oro.

I Supereroi esistono e sono qui, in mezzo a noi altri, umanissimi e senza poteri. Tra di loro c’è chi vola, chi ha una forza straordinaria, chi ha una velocità inaudita, chi può essere invisibile. E non solo. Come nei fumetti, anche nel nostro mondo reale si ergono in difesa dei più deboli, combattendo il male per il bene di tutti …o quasi. Perché volere il bene di tutti è impossibile, renderebbe tutti uguali, utopia anche per un supereroe, in un mondo in cui chi ha tanto l’ha costruito sulle spalle di chi ha poco. I supereroi esistono e sono qui. A combattere, ma per chi può permettersi di vivere nella parte giusta del mondo. È in questo mondo, diviso tra chi non crede più nell’essere umano e vuole insegnarci cosa sia il superuomo, e chi invece maledice la terra che ha bisogno di eroi, che ha inizio la nostra storia.

Lo spettacolo parte da un’incongruenza tipica dell’universo fantastico dei superpoteri – dicono Mauro Parrinello e Simone Schinocca, autori e registi dell’opera – il supereroe per antonomasia ferma il rapinatore della banca di turno ma perché non interviene invece prima, ovvero sulle cause che portano una persona a “decidere” di rapinare qualcun altro? E perché è in grado di fermare un meteorite non costruisce canali per irrigare zone desertiche? Perché si occupa di piccola criminalità ma non interviene su macro problemi?

A Genino vive per esempio Coffee Girl, ragazza timida e impacciata che produce caffè con le orecchie, o Insect Lord, milionario che perde tutti i suoi avere a causa di un tracollo finanziario che lo porterà anche a perdere il controllo sul dominio degli insetti. Poi ci sono Pillow Man, un sudamericano molto in carne, e molto sensibile al fascino femminile, che utilizza come arma un cuscino magico che solo lui può sollevare e Sim.0ne, androide e impiegato di banca, che sviluppa una propria coscienza.

Per la creazione dell’opera, le due compagnie si sono anche avvalse della collaborazione di artisti internazionale quali Ben Moor, drammaturgo inglese che lavora per teatro, cinema e televisione, molto acclamato da critica e pubblico britannico, e Aziz El Youssoufi, danzatore e coreografo franco magrebino, fra i più premiati della scena hip hop europea. La voce fuori campo è invece di Luigi Diberti, doppiatore e attore che ha lavorato con Luca Ronconi e Giorgio Strehler, interprete in televisione della serie televisiva “La piovra” e diretto al cinema da registi come Dario Argento, Cristina Comencini, Gabriele Muccino, Davide Ferrario, Lina Wertmüller, Michelangelo Antonioni, Pupi Avati, Ferzan Özpetek ed Elio Petri.

 

Informazioni
www.mamimo.it

 

Share

Rispondi