*/?>
ruMORE

Una danza che rivela le radici comuni delle religioni

12 Marzo 2014
Print Friendly, PDF & Email

Mercoledì 19 e giovedì 20 marzo torna a Reggio Emilia la compagnia belga Transe-en-Danse per un evento artistico europeo promosso dalla Fondazione Mondinsieme del Comune di Reggio Emilia, nato come risposta ai conflitti religiosi nel mondo.

Vuoi scoprire le origini comuni delle religioni nel mondo? Puoi farlo tra danza e teatro alla Fonderia di Reggio Emilia.

Con grande successo torna la compagnia teatrale belga Transe-en-Danse che, lo scorso ottobre, mise in scena lo spettacolo “Danse en Papier” in memoria delle vittime della tragedia di Lampedusa.
Il nuovo spettacolo, “Non è sabbia, ma lo sapremo solo dopo”, propone una riflessione sotto forma di danza sulle radici comuni delle religioni del mondo, con una scenografia spettacolare che unisce insieme gli elementi della natura.

Sarà in scena mercoledì e giovedì 20 marzo alle ore 20.30 nella sede della Fondaziona Nazionale della Danza in via Costituzione 39.

L’opera riunisce artisti di culture e fedi differenti, originari di Belgio, Francia, Italia, Burkina Faso, Haiti, Libia e Marocco, con l’obiettivo di mettere in risalto ciò che può esserci di universale nel rapporto con la spritualità, al di là delle norme e dei dogmi che possono rinchiuderci e farci costruire dei muri di fronte al prossimo.

È una risposta ai conflitti interreligiosi, che si basa sull’analisi di simboli e testi religiosi, sacri o mitici, tratti non solo dalle tre religioni del Libro, quali Crsitianesimo, Islam ed Ebraismo, ma anche dal Buddismo, dall’Induismo, dal Sofismo, dalle filosofie amerinde, celte, animiste, così come altri racconti di tutto il mondo.
“Non è sabbia ma lo sapremo solo dopo” rientra del progetto Nos Terres, promosso dal Centro Interculturale Mondinsieme e Transe-en-Danse con il supporto del Programma Cultura dell’Unione Europea, con la collaborazione della Fondazione Nazionale della Danza e del Centro Antidiscriminazioni della Regione Emilia-Romagna.

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. É necessaria la tessera associativa di Mondinsieme, che è possibile sottoscrivere sul posto. La tessera ha un costo di 10 Euro e dà accesso ad attività culturali e corsi di formazione nel corso dell’anno. Per prenotazioni e informazioni, contattare Mahta Woldezghi alla mail mahta.woldezghi@mondinsieme.org; o al telefono 0522 456250; o via sms/whatsapp 392 9788977.

 

Non e sabbia ma lo sapremo solo dopo_1

Non e sabbia la sapremo solo dopo_2

 

 

 

Share

Commenti chiusi.