*/?>
ruMORE

ZIGULì, la mia vita dolceamara con un figlio disabile

29 Ottobre 2013
Print Friendly, PDF & Email

Lo spettacolo vincitore del premio In-Box 2013 arriva al Teatro Piccolo Orologio
Andrà in scena sabato 2 novembre alle ore 21 al Teatro Piccolo Orologio con il bravissimo Francesco Colella e con la regia di Francesco Lagi.

Reggio Emilia, 29 ottobre 2013 – Lo spettacolo nasce dal libro Zigulì – la mia vita dolceamara con un figlio disabile di Massimiliano Verga. Un diario intimo che racconta un’esperienza estrema di paternità, il rapporto denso e accidentato fra un padre e un figlio disabile. Nelle pagine del libro l’autore mette a nudo la propria fragilità, la propria impotenza e rabbia verso il figlio. Lo fa usando un linguaggio forte, come definire il cervello di suo figlio “grosso come una zigulì”, senza reticenze e falsi buonismi, usando parole che non tutti hanno avuto il coraggio di usare per descrivere una situazione simile. è questa cura dell’argomento, queste parole che possono dire tanto ma anche ferire, questo sguardo diverso su un immensa storia d’amore che hanno colpito il regista Francesco Lagi e l’attore Francesco Colella, co-fondatori della compagnia Teatrodilina, portandoli a mettere in scena questo spettacolo.  Il personaggio di Zigulì è un uomo smarrito che si rapporta a suo figlio e alla sua disabilità con stupore, rabbia e ironia. L’azione dello spettacolo si svolge in uno spazio domestico ma notturno, un luogo che non è più una casa ma è il campo di battaglia dove si svolge la loro lotta quotidiana. Il tempo che il padre e il figlio vivono ogni giorno, scandito da relazioni e impegni, passato tra strutture per la fisioterapia e assistenti sociali, adesso è lontano. Quello che viene raccontato non è il mondo del figlio e della sua disabilità, che non è dato conoscere, ma quello che lui ci mostra di sé, contagiando l’esistenza di suo padre. Gli taglia l’anima, gli fa male e gli fa paura, lo atterrisce e lo fa incazzare.

In Zigulì c’è un padre che si offre allo sguardo e all’attenzione del pubblico per esprimere tutto il disagio di un essere umano davanti alla malattia di un figlio nato sano e diventato disabile dopo pochi giorni. C’è il mistero grande di un cervello piccolo come una caramella. Ci sono le testate, le spinte, i morsi, i graffi e le esplosioni di risate. E, qualche volta, i baci. è uno spettacolo che emoziona, che ti lascia spiazzato davanti ad una realtà nuda e cruda, che ti coinvolge e ti fa riflettere. Infatti sono queste le caratteristiche che hanno colpito la giuria del premio In-Box che ha deciso di premiare lo spettacolo nell’edizione 2013: “Per la straordinaria prova d’attore di una delle eccellenze del teatro italiano, principale chiave d’accesso a uno spettacolo che utilizza un linguaggio universale e fa della schiettezza il suo punto di forza”.

Parallelamente allo spettacolo ci sarà la presentazione del libro, alla presenza dell’autore Massimiliano Verga affiancato dalla blogger Nadia Covacci di 24emilia.com, sempre sabato 2 novembre alle ore 17 alla Libreria all’Arco, Via Emilia Santo Stefano 3/d, Reggio Emilia.

Francesco Colella è un attore teatrale, Premio Ubu 2010 come Miglior Attore non Protagonista, che ha lavorato tra gli altri con Luca Ronconi, Federico Tiezzi e Serena Sinagaglia. È di sicuro uno dei talenti più promettenti e importanti del panorama teatrale italiano. Francesco Lagi ha scritto per il cinema e la tv. È  uno dei registi del film collettivo 4-4-2 Il gioco più bello del mondo e nel 2011 scrive e dirige il film Missione di pace. Insieme, nel 2010, hanno fondato la compagnia Teatrodilina. Biglietti: 12 € e 10 €, più eventuali riduzioni.

Per informazioni e prenotazioni: biglietteria@teatropiccolorologio.com, www.mamimo.it,
0522-383178, lunedì-venerdì  9-13.

 

Zigulì 1

 

 

Share

Commenti chiusi.